Etichettatura alimenti: Normativa, Regole e Curiosità

Negli ultimi anni, l’attenzione alle etichette alimentari è cresciuta moltissimo. La maggior chiarezza è sicuramente utile per i consumatori in modo da essere informati sul contenuto, la tracciabilità e la filiera degli alimenti.

Le etichette alimentari riguardano ogni tipo di alimento, sia quando parliamo di alimento fresco che quando parliamo di alimento surgelato.

Le leggi sono chiare e ogni azienda deve attenersi a queste, grazie alle etichette per i consumatori è molto più semplice fare il giusto acquisto in base alle proprie esigenze.

Come si fa ad etichettare?

Di certo, non è così difficile: ogni produttore e ogni azienda, dovrà capire bene e studiare le etichette prima di commercializzare i propri alimenti o prodotti alimentari.

Inoltre vogliamo precisare che la legislazione in merito agli alimenti, è davvero molto ampia e anche complessa, molto importante però è: il regolamento 1169/2011 approvato dal Parlamento Europeo.

Quello che dice il regolamento che abbiamo citato è che le informazioni devono essere portate sulla confezione singola e anche sull’imballaggio, nel caso in cui si debba vendere il prodotto.

Le etichette devono presentare:

  1. Leggibilità: il testo deve essere scritto con carattere chiaro e l’altezza della scrittura del testo deve essere superiore a 1,2 mm
  2. Indelebilità: le informazioni non devono cancellarsi col tempo, quindi è bene usare una etichettatrice (stampante termica) professionale, in modo da non correre il rischio che non si veda più la dicitura
  3. Chiarezza: il testo deve essere scritto in modo chiaro in modo che non possa capitare che si faccia confusione, non possono essere presenti caratteri o codici che generino confusione

Per quanto riguarda la quantità netta, è importante esprimerla in litri e kg.

Cosa deve contenere un’etichetta? Quale è la giusta dicitura?

Come prima cosa, l’etichetta deve contenere il nome dell’alimento.

Da abbinare al nome dell’alimento, utilizzando la denominazione merceologica nello specifico si deve indicare anche la sua denominazione legale.

Successivamente, bisogna indicare tutti gli ingredienti che fanno parte del prodotto in vendita, comprendendo anche additivi, enzimi e aromi vari. Ovviamente, gli ingredienti devono essere indicati in base alle quantità che sono presenti nel prodotto.

Vi sono delle liste, dove è possibile capire quali alimenti obbligano l’indicizzazione degli ingredienti e quali no.

Come indicare gli eventuali allergeni?

Dal 2011, presente in ogni etichetta alimentare ed è considerata indicazione di grande importanza.

Vi sono delle sostanze che devono obbligatoriamente essere dichiarate e indicate, anche nel caso siano presenti nell’impianto di produzione o in un luogo vicino.

Vediamoli insieme.

Crostacei Soia Frutta a guscio
sedano Senape Semi di sesamo
Anidride solforosa Uova Cereali con glutine
pesce Arachidi Latte e derivati
lupini molluschi

 

“da consumarsi preferibilmente entro il..”

Molto importante è sicuramente anche inserire il termine minimo di conservazione e trascrivere la data fino a quando è possibile conservare il prodotto. Spesso viene anche inserito “da consumare entro..” nel caso in cui i prodotti siano congelati dovrà essere indicata anche la data di congelamento eventuale.

L’origine e la provenienza vengono presi in considerazione in modo peculiare nella legislazione alimentare europea. Infatti, vanno indicate in modo obbligatorio l’origine e la provenienza del prodotto, quando si tratta di: carni fresche e congelate; carni suine; caprine e sia ovine che volatili; anche quando le carni sono usate come ingrediente complementare; latte e derivati.

Dunque, la provenienza deve essere obbligatoriamente trascritta anche se il prodotto viene prodotto in un altro Paese (es. Sughi e condimenti prodotti in Cina).

Quando parliamo di marcatura di identificazione, intendiamo quella denominazione applicabile solo agli stabilimenti di produzione e lavorazione di prodotti di origine animale. Vi sono delle regole igieniche da seguire per poter vendere il prodotto e da dover poi trascrivere sull’etichetta: il paese dove è situato lo stabilimento di produzione, il codice di riconoscimento di quest’ultimo, il marchio di abbreviazione della comunità europea.

Etichettatura alimenti: La Normativa in merito 

Il nuovo provvedimento è in vigore a decorrere dal 9 maggio 2018, è il decreto legislativo n° 231/2017 ed è relativo alla “disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni sulla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori” ed è anche relativo alle norme della comunità europea in materia di etichettatura alimentare.

Inoltre l’art. 44 del Regolamento n° 1169, afferma che: “ove gli alimenti siano offerti in vendita al consumatore finale o alle collettività senza preimballaggio oppure siano imballati sui luoghi di vendita su richiesta del consumatore o preimballati per la vendita diretta, è obbligatoria la fornitura delle indicazioni”.

Inoltre l’Italia, prevede, che sia obbligatoria la scrittura e dicitura di indicazioni sui prodotti non preimballati, su un apposito cartello da applicare agli alimenti o anche in formato digitale, in modo da essere accessibile a tutti.

Sul cartello, vanno riportate alcune indicazioni importanti, tra cui: denominazione del prodotto, elenco degli ingredienti, modalità di conservazione, scadenza, titolo alcolometrico volumico effettivo, percentuale di glassatura, la designazione nel caso in cui sia un prodotto decongelato.

Per quanto riguarda le modalità di etichettare gli alimenti, esistono delle macchine etichettatrici automatiche industriali.

La loro capacità, è quella di applicare automaticamente su prodotti e imballaggi di ogni tipo, le etichette.

Con le etichettatrici professionali, è possibile:

  • Etichettare su prodotti di tutte le dimensioni e moltissime superfici
  • Avere dei macchinari con garanzie a lungo termine
  • Avere stampe di qualità
  • Avere un servizio di consulenza personalizzato con installazione dell’etichettatrice

Vogliamo consigliarti per una consulenza gratuita o delle informazioni in merito, questo sito, gestito da Weber Marking Systems.

Troverai sicuramente quella che fa al caso tuo e dei professionisti in grado di aiutarti per ogni tua esigenza.

Inoltre è possibile acquistare le etichette adesive a prezzi davvero vantaggiosi. Non affidarti a chiunque, cerca sempre un servizio ad hoc per le tue aspettative e per la tua esperienza di vendita.

Ogni esperienza di vendita, parla della tua azienda ed è per questo che dovrai curare tutti i dettagli.

Weber ti offre:

  1. Qualità altissima
  2. Customizzazione dei formati
  3. Professionalità e aiuto con gli ordini
  4. Controllo qualità con certificato ISO 9001
  5. Tempi di consegna brevi
  6. Percorsi pensati appositamente per te

Corso di Etichettatura Alimenti: Esistono dei percorsi didattici da seguire?

Esistono vari corsi per l’etichettatura alimentare, pensati per fornire le informazioni necessarie e le tecniche aziendali per essere in linea con gli obblighi legislativi del Regolamento UE 1169/11.

I corsi sono rivolti a tutte le aziende di produzione e anche agli imprenditori o a chi ormai nel 2019 ha deciso di avviare un business online di vendita di prodotti di tipo alimentare.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.